Ruolo dello Stato Pontificio nel Brigantaggio

Lo Stato Pontificio nel 1860 era suddiviso amministrativamente in varie provincie tra cui le enclave di Pontecorvo e Benevento presenti nel Regno delle Due Sicilie.

Lo Stato Pontificio nel 1860 era suddiviso amministrativamente in varie provincie tra cui le enclave di Pontecorvo e Benevento presenti nel Regno delle Due Sicilie.

Abbiamo dedicato al ruolo che ebbe lo Stato Pontificio nello sviluppo del fenomeno del Brigantaggio in ciociaria, una birra ambrata, in stile belgian triple. Una birra complessa e ricca, come il ruolo ricoperto dallo Stato della Chiesa nel 1860.

Antonio (Chef)

Nell’ottobre del 1860, allorquando Vittorio Emanuele II invase gli Abruzzi dirigendosi verso Napoli, si verificarono sommosse, episodi di guerriglia e atti di brigantaggio che interessarono molte provincie del Mezzogiorno d’Italia, alcune delle quali confinanti con il territorio pontificio.

La mancanza di provvedimenti atti a esercitare il controllo delle frontiere, l’accondiscendenza con cui fu dato asilo alle bande in formazione e transito, la mancanza di provvedimenti adeguati a contrastare il contrabbando di armi, la propaganda filoborbonica sviluppata dal clero e dalla Curia, la politica favorevole a Francesco II e la presenza sul proprio territorio di molti reduci provenienti dalle fortezze di Capua e di Gaeta, consentì di attribuire allo Stato pontificio un ruolo non marginale nello sviluppo del brigantaggio postunitario.

A Roma, con la benedizione di papa Pio IX, era rifugiato Francesco II delle Due Sicilie e tutta la corte borbonica napoletana in esilio. Ciò, per un certo periodo, fu il motore principale per l’avvio ed il sostentamento del brigantaggio come forma di guerriglia antiunitaria, reclutando ex militari dell’esercito borbonico e migliaia di contadini e braccianti meridionali.

Dalla seconda metà del 1863 ci fu un significativo cambiamento di fronte, con l’inizio della lotta al brigantaggio anche da parte pontificia, essendo caduta la matrice politica dell’attività delle bande. Segno di questo cambiamento fu tra l’altro la cattura di Carmine Crocco nel 1864, che aveva sperato di potersi rifugiare sotto la protezione pontificia, e un accordo di collaborazione militare fra il Regno d’Italia e lo Stato Pontificio per evitare che il confine fra i due Stati rendesse impossibili le operazioni militari e di polizia.

Leave a Reply

error: Content is protected !!