La figura del brigante è spesso tramandata in forma di mito dalla fantasia popolare. Il brigante era un uomo proveniente spesso da classi sociali disagiate, costretto a rifuggiarsi in località rurali per rispondere a una qualche violenza subita e a farsi giustizia da solo oppure aiutato da un manipolo di disgraziati.

Nel nostro birrificio produciamo una birra a bassa fermentazione bionda dedicata alla figura dei briganti.

Massimiliano (Mastro Birraio)

Il brigantaggio è un fenomeno storico molto complesso, che ci tramanda la figura del brigante come eroe, ribelle, clandestino, rivoluzionario.

Il brigantaggio è stato un fenomeno complesso, politico e sociale, che ha segnato il Sud e la storia unitaria dell’Italia. Esplose dopo la conquista del Regno delle Due Sicilie da parte dei piemontesi: molti territori del Sud Italia furono teatro di scontri per il ripristino della legalità. Un fenomeno che, in una prospettiva antropologico – ambientale, ha ridefinito anche forme e funzioni del paesaggio agrario e consegnato alla storia la figura del brigante, tra mito e realtà.

La mitologia popolare ci restituisce la figura del brigante come colui che proviene dalle classi sociali povere e disagiate, costretto a farsi giustizia da solo avendo subito ingiustizie sociali. Anche la letteratura dà il suo contributo con le figure leggendarie di Robin Hood, Fra Diavolo, la Primula Rossa e Zorro accomunati da quella ribellione generosa e leale, da quel coraggio popolare misto a risentimento nei confronti degli aristocratici. La violenza è la risposta necessaria alla prevaricazione subita e ammanta il personaggio di affascinante inquietudine che lo legittima agli occhi del popolo.

Lascia un commento